VISITA
ALLERGOLOGICA

La visita allergologica è eseguita al Poliambulatorio Diagnosys presso il Centro MerClin con un medico specialista allergologo.

Quando fare una visita allergologica

I sintomi che spingono il paziente a sottoporsi ad una visita allergologica sono diversi:

  • RESPIRATORI: rinite e asma bronchiale, congestione nasale
  • OCULARI: lacrimazione e irritazione da congiuntivite
  • CUTANEI: orticaria, dermatite ed eruzioni cutanee


Una reazione allergica si manifesta anche con
gonfiori del viso, delle labbra e della lingua, con infiammazioni alla gola e un respiro affannoso.

Un’allergia è una reazione del sistema immunitario, che si scatena in risposta ad un allergene percepito come un elemento estraneo all’organismo.

Per intolleranza, invece, il concetto è diverso: il sistema immunitario non viene coinvolto.

Come si svolge la visita allergologica?

Il primo colloquio con lo specialista è necessario affinché si possa definire il quadro clinico generico del paziente.

L’allergologo pone alcune domande in base alle quali chiarire se i sintomi più o meno evidenti sono saltuari o persistenti e in quali circostanze specifiche si manifestano.

Si prosegue, a discrezione dello specialista, svolgendo due tipi di prove allergologiche (Prick-test e Patch-test) o gli esami del sangue.

  • Prick-test: è un test ipercutaneo che rileva un’allergia alimentare o ambientale, da sostanze inalanti (pollini). L’allergologo immerge un piccolo ago in boccette contenenti i più comuni allergeni e con questo punge leggermente la superficie della pelle.
    Dopo un tempo di attesa di circa 15 minuti, se appaiono gonfiori, arrossamenti o eruzioni si sospetta una condizione allergica.

  • Patch-test: è un test epicutaneo grazie al quale si rileva un’allergia da contatto di sostanze come fragranze, conservanti e metalli. L’allergologo applica sulla pelle un cerotto imbevuto di una piccola quantità di allergene, da rimuovere solo dopo 48 ore.
    Quando il tessuto viene rimosso, se si osservano arrossamenti, screpolature o vescicole, si tratta probabilmente di allergia.

  • Analisi del sangue: questi esami sono eseguiti analizzando in laboratorio un campione di sangue per ricercare specifici anticorpi e individuare così le allergie.
    Sono svolti per avere una maggiore certezza e/o per avallare teorie scaturite dai risultati dei primi due test.

Come prepararsi alla visita allergologica

Nei 5/6 giorni che precedono la visita allergologica è necessario non assumere antistaminici e cortisone, per non intaccare o alterare i risultati dei test.

Non vi sono accortezze particolari o un iter specifico da seguire la mattina della visita.

Dopo la visita allergologica

Terminata la visita, il medico allergologo stila la lista delle sostanze che causano allergie e indica tutte le modalità per evitarle dove possibile. Inoltre prescrive i medicinali da assumere per alleviare i sintomi, come antistaminici, colliri e spray nasali.

0828 48664
0828 48708
379 1522565
Prenotazioni
Online

Via Rufigliano
Zona PIP

Campania(SA)

BLOG SALUTE

Ultimi articoli
dal nostro blog

Comprendere e riconoscere la dislessia

“Quando leggere diventa un’impresa ardua!”  Comprendere e riconoscere la dislessia infantile è una tematica sempre attuale e in continua evoluzione, in ambito di ricerca, riabilitazione,

Morbo di Crohn: i sintomi da non sottovalutare

Il Morbo di Crohn è un’infiammazione cronica che può colpire tutto il tratto gastrointestinale, ma nella maggior parte dei casi interessa l’ultima parte dell’intestino tenue e il colon.  I sintomi possono variare, ma

Prevenzione maschile: i segnali da non trascurare

Spesso sottovalutata, la prevenzione maschile è un argomento fondamentale per gli uomini, in particolare al di sopra dei 50 anni. Tenere sotto controllo la salute e migliorare le abitudini quotidiane è

Resta sempre aggiornato
con tutte le novità del mondo MerClin!